La storia infinita di Michael Ende

otairauqitnA ilodnairoC odarroC olraC eralotiT

è uno degli incipit più innovativi mai scritti per un romanzo d’avventura.

Prima pagina della prima edizione del libro "La storia infinta" di Michael Ende, 1981.

Prima pagina della prima edizione del libro “La storia infinta” di Michael Ende, 1981.

Chi ha qualche anno sulle spalle lo riconoscerà immediatamente. È così infatti che inizia uno dei libri più amati dai tanti, tantissimi lettori de “La storia infinita” di Michael Ende (1929-1995).

La prima edizione del libro "La storia infinta" di Michael Ende, 1981. Edito da Longanesi.

La prima edizione del libro “La storia infinta” di Michael Ende, 1981. Edito da Longanesi.

La copertina in tela della prima edizione de "La storia infinita" di Michael Ende.

La copertina in tela della prima edizione de “La storia infinita” di Michael Ende.

Vediamo di riassumere velocemente la storia di questo romanzo.

Siamo nel 1977, nei pressi di Stoccarda, e un editore – un certo signor Hansjörg Weitbrecht – incoraggia lo scrittore Michael Ende a scrivere un nuovo romanzo da poter dare alle stampe entro la fine dell’anno. Ende inizia a lavorare su questa idea “di un bambino che leggendo una storia si ritrova all’interno della storia stessa”. L’editore si dice entusiasta e approva.

Dopo qualche mese Weitbrecht contatta ripetutamente l’autore per chiedergli quando finalmente consegnerà il racconto, avendo lui già scelto la carta, la tipografia, ecc…

Quello che succede è che lo scrittore, rendendosi conto che un racconto breve non è fattibile, deve richiamare il suo editore e comunicargli che la data di uscita del libro dovrà essere posticipata perché il bambino protagonista del suo racconto “si rifiuta categoricamente di lasciare Fantàsia (il mondo magico presente nel libro) e non gli rimane altra scelta di seguire il suo personaggio nel prosieguo  delle sue avventure”

La stesura si allunga notevolmente e solo nel 1979, dopo circa tre anni di scrittura e riscrittura, Ende riesce a completare la storia trovando finalmente l’escamotage per fare uscire Bastiano (Bastian nel film che conosciamo) dal mondo magico. Inoltre, sempre secondo Ende, la storia ha preso una piega tale da non essere più adatta a una pubblicazione tradizionale “ma gli appare chiaro che si deve confezionare come un vero e proprio libro di magia: con copertina in cuoio e bottoni in madreperla e ottone”.

L’editore impallidisce per i possibili costi. Dopo una trattativa, editore e scrittore trovano un accordo: rilegatura in seta, stampa a due colori e 26 capilettera (uno per ciascuno dei 26  capitoli che iniziano con altrettante lettere dell’alfabeto tedesco), realizzati dall’artista Roswitha Quadflieg.

La stampa a inchiostro a due colori, continuamente incrociata, è davvero un’idea innovativa, che non serve solo a conferire al libro quell’aspetto “magico”, ma diventa l’espediente che aiuta il lettore a riconoscere in quale mondo sta proseguendo la storia: il colore rosso per il testo ambientato nel mondo degli umani e quello verde acqua per le parti ambientate a Fantàsia.

Il libro è un successo e dalla prima stampa di sole 20.000 copie, si passa rapidamente a quella di 200 mila. Nel 1980 diventa ufficialmente un bestseller, rimanendo in classifica per 332 settimane (di cui 113 al primo posto!). Seguono altre 15 ristampe e si sfiora così il milione di copie vendute in 3 anni. Tradotto in più di 40 paesi, vincendo premi e riconoscimenti, gli esemplari venduti diventano 10 milioni.

L’edizione italiana

Sull’onda del successo, nel 1981 “La storia infinita” arriva finalmente anche in Italia. Grazie alla casa editrice Longanesi & C. che lo pubblica nella collana La gaja scienza. “La traduzione viene affidata ad Amina Pandolfi, mentre i capilettera sono frutto dell’opera di Antonio Basoli. L’edizione presenta una copertina rigida ricoperta di seta rossa e il testo bicolore.”

Due tipi di inchiostri sono stati utilizzati nel libro per dividere meglio i fatti che accadevano nel Regno di Fantasia e quelli nella realtà.

Due tipi di inchiostri sono stati utilizzati nel libro per dividere meglio i fatti che accadevano nel Regno di Fantasia e quelli nella realtà.

Un'altra illustrazione originale di Antonio Basoli per i capolettera di ogni capitolo.

Un’altra illustrazione originale di Antonio Basoli per i capolettera di ogni capitolo.

La prima edizione italiana del libro è piuttosto rara, ormai oggetto di collezionismo. Su eBay o nei mercatini difficilmente la troverete in buone condizioni sotto i 100-150 Euro.
Il consiglio, prima di fare una proposta di acquisto, è di fare attenzione all’ultima pagina del libro dove sono riportati i crediti.
La prima edizione riporta questa scritta:

FINITO DI STAMPARE
NEL MESE DI OTTOBRE 1981
PER CONTO DELLA LONGANESI & C.
DALLA AGEL S.R.L. DI MILANO
PRINTED IN ITALY

e nessun riferimento all’edizione un paio di righe sopra.

Pagina dei crediti nella prima edizione del libro. L'anno riportato è il 1981 e non sono annotate ristampe.

Pagina dei crediti nella prima edizione del libro. L’anno riportato è il 1981 e non sono annotate ristampe.

Concludiamo con la storia delle ristampe del libro in Italia:
nel 1988 arriva la casa editrice TEA a ripubblicare il libro mantenendo la traduzione e i capilettera della versione Longanesi. Il testo però viene stampato in inchiostro monocromatico nero ricorrendo al corsivo per differenziare le due parti.

La Corbaccio invece pubblica la sua prima versione de La storia infinita nel 2002 riprendono la grafica delle edizioni precedenti, reintroducendo i colori d’inchiostro rosso e verde acqua.

“La storia infinita” Michael Ende, prima edizione italiana, 1981.

 


L’incipit:

«otairauqitnA
ilodnairoC odarroC olraC eralotiT

Questa scritta stava sulla porta a vetri di una botteguccia, ma naturalmente così la si vedeva solo guardando attraverso il vetro dall’interno del locale in penombra.
Fuori era una fredda, grigia giornata novembrina e pioveva a catinelle. Le gocce di pioggia correvano giù lungo il vetro, sopra gli svolazzi delle lettere. Tutto ciò che si riusciva a vedere attraverso il cristallo era un muro macchiato di pioggia dall’altro lato della strada.
D’improvviso la porta venne spalancata con tanta violenza che un piccolo grappolo di campanellini d’ottone sospeso sul battente cominciò a tintinnare tutto eccitato e ci volle un bel po’ prima che si rimettesse tranquillo

(Michael Ende)

Anno di pubblicazione: I edizione ottobre 1981
Casa editrice: Longanesi & C.
Prezzo originale: 14.000 Lire
Pagine: 446


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Ecco la prima edizione inglese della trilogia di Millenium

Verso gli ultimi mesi del 2004, in Svezia, un giornalista esperto conoscitore di organizzazioni di estrema destra e neonaziste, fondatore di una rivista antirazzista chiamata Expo, consulente del Ministero della Giustizia svedese​, contattò una delle principali case editrici svedesi, la Norstedts Förlag,​ e consegnò loro le bozze di tre romanzi gialli da lui scritti. Ai tre romanzi, sarebbero seguiti –  nelle intenzioni dell’autore – altre sette, per un totale di dieci libri che il giornalista avrebbe iniziato a scrivere nei mesi ​successivi.  

Il 9 novembre dello stesso anno, Karl Stig-Erland​ Larsson questo il nome del giornalista​ -​ sale nella redazione del suo giornale Expo a Stoccolma​,​ ma​,​ essendo​ ​l’ascensore ​fuori uso,​ decide per le sette rampe di scale che lo separano dalla sua scrivania. ​Subdolo e improvviso come spesso si manifesta, un attacco cardiaco​ lo stronca appena entrato nel suo ufficio. 

I primi tre volumi stampati in Inghilterra della trilogia di Millenium scritta da Stieg Larsson.

I primi tre volumi stampati in Inghilterra della trilogia di Millenium scritta da Stieg Larsson.

La tragedia ha il sapore della beffa, quando, una volta pubblicati​,​ i romanzi diventano i casi letterali dell’anno. I libri vengono tradotti in più di 50 ​P​aesi​, ​vendendo più di 80 milioni di copie facendo di Stieg Larsson (questo è il nome che apparirà sulle copertine) nel 2008 il secondo autore più venduto nel mondo. Lui non lo saprà mai.

I romanzi consegnati da Larsson a quello che diventerà il suo editore usciranno postumi. Hanno dei nomi particolari e ben presto renderanno immortali i nomi dei suoi protagonisti: il giornalista Mikael Blomkvist e la meravigliosa inquieta Lisbeth Salander!

Ecco quindi che Uomini che odiano le donne (2005), La ragazza che giocava con il fuoco (2006) e La regina dei castelli di carta (2007) diventano conosciuti in tutto il mondo anche se con titoli leggermente diversi dagli originali Män som hatar kvinnorFlickan som lekte med eldenLuftslottet som sprängdes.

Nel mondo anglosassone verranno ribattezzati: The Girl with the Dragon TattooThe Girl Who Played with FireThe Girl Who Kicked the Hornets’ Nest

Le copertine originali della prima edizione inglese della trilogia di Millenium scritto da Stieg Larsson.

Le copertine originali della prima edizione inglese della trilogia di Millenium scritto da Stieg Larsson.

Larsson​,​ prima della morte​, aveva iniziato a scrivere la bozza del quarto volume e le idee da sviluppare nel quinto. Questi documenti sono rimasti in mano alla vedova intenzionata a difendere la memoria del compagno mai sposato. Questa mancata unione legale è alla base della lotta sull’eredità del giornalista la quale finisce in mano al padre e al fratello del defunto. Il caso aprirà un acceso dibattito sui diritti delle cop​pie di fatto nella progressista Svezia​,​incapace però di difendere unioni che durano anche da più di 35 anni come nel caso di Larsson e la compagna.

Il padre e il fratello, assieme alla casa editrice Norstedts,  decidono quindi di commissionare il sequel di Millenium a un autore svedese famoso in patria per due libri tra cui la biografia del calciatore Zlatan Ibrahimovic.

Il retro delle copertine originali della prima edizione inglese della trilogia di Millenium scritto da Stieg Larsson.

Il retro delle copertine originali della prima edizione inglese della trilogia di Millenium scritto da Stieg Larsson.

L’autore scelto è David Lagercrantz e il libro da lui scritto vedrà la luce nel 2015 con il titolo The girl in Spider’s Web (in Italiano la Marsilio, che aveva già pubblicato l’intera trilogia, lo intitolerà “Quello che non uccide”).

Il lavoro di Lagercrantz sarà apprezzato sia dai critici,​che tutto sommato lo promuovo​,​ e da una buona parte di lettori ​che lo fanno comunque diventare un best seller.

​Il quinto volume, ancor a firma Lagercrantz, uscirà ​tra poche settimane ​anche in Italia​.​
​Per l’occasione, l’autore sarà presente a PordenoneLegge il prossimo settembre. Una ghiotta occasione per portare a casa una copia autografata del libro.
La prima edizione di questi tre volumi ha un valore attuale che va dai 1.000 ai 1.400 Euro se in ottime condizioni.
Queste edizioni si possono riconoscere dalla pagina dei crediti se presente la sequenza numerica “10 9 8 7 6 5 4 3 2 1” e dal prezzo di 14,99 £ per il primo volume e 16,99 e 18,99 per il secondo e il terzo.
La pagina dei crediti relativa alla prima edizione inglese di "The Girl with the Dragon Tattoo". In Italia uscirà con il titolo "Uomini che odiano le donne". Il numero 1 nella serie numerica indica che si tratta della prima edizione.

La pagina dei crediti relativa alla prima edizione inglese di “The Girl with the Dragon Tattoo”. In Italia uscirà con il titolo “Uomini che odiano le donne”. Il numero 1 nella serie numerica indica che si tratta della prima edizione.

Il prezzo originale della prima edizione di "The Girl with the Dragon Tattoo".

Il prezzo originale della prima edizione di “The Girl with the Dragon Tattoo”.

I tre volumi originali della prima edizione inglese della trilogia di Millenium scritto da Stieg Larsson.

I tre volumi originali della prima edizione inglese della trilogia di Millenium scritto da Stieg Larsson.

 

L’incipit:

«A Friday in November
It happened every year, was almost a ritual. And this was his eighty-second birthday. When, as usual, the flower was delivered, he took off the wrapping paper and then picked up the telephone to call Detective Superintendent Morell who, when he retired, had moved to Lake Siljan in Dalarna. They were not only the same age, they had been born on the same day—which was something of an irony under the circumstances. The old policeman was sitting with his coffee, waiting, expecting the call.
“It arrived.”»

(Stieg Larsson)

Anno di pubblicazione The Girl with the Dragon Tattoo: 2008
Casa editrice: Maclehose Press
Prezzo originale: 14,99 Sterline
Lingua: inglese
Pagine: 533

Anno di pubblicazione The Girl Who Played with Fire: 2009
Casa editrice: Maclehose Press
Prezzo originale: 16,99 Sterline
Lingua: inglese
Pagine: 569

Anno di pubblicazione The Girl Who Kicked the Hornets’ Nest: 2009
Casa editrice: Maclehose Press
Prezzo originale: 18,99 Sterline
Lingua: inglese
Pagine: 602


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

A 60 anni dalla scomparsa di Umberto Saba

Il 25 agosto di sessanta anni fa ci lasciava uno dei più grandi poeti italiani: Umberto Saba.

Operò tra gli uomini poeta” riporta una targa nella strada dove, ancora oggi, c’è la sua piccola biblioteca antiquaria.

Questo post è un piccolissimo omaggio all’immensità di Saba come poeta, romanziere, librario, marito, padre, uomo e tanto, tanto altro ancora.

A Trieste, nell’ormai lontano 2003, venne allestita una mostra molto bella, poi integralmente riportata nel web che potete trovare cliccando qui. Il sito è una fantastica miniera di informazioni con bellissime e rare fotografie sul grande poeta triestino.

Qui sotto vi lasciamo la poesia “Avevo” scritta nel 1944, uno degli anni più critici del Novecento. Saba, in quegli anni, era costretto a vivere un umiliante esodo semiclandestino a causa delle sue origini ebraiche. In questa poesia ritroviamo gli affetti più cari del poeta: la moglie, la figlia, la sua città natale, la sua bottega antiquaria e sua madre.

Buona lettura!

Rara edizione del Canzoniere di Umberto Saba numerata e autografata.

Avevo

Da una burrasca ignobile approdato
a questa casa ospitale, m’affaccio
– liberamente alfine – alla finestra.
Guardo nel cielo nuvole passare,
biancheggiare lo spicchio della luna,
Palazzo Pitti di fronte. E mi volgo
vane antiche domande: Perché, madre,
m’hai messo al mondo? Che ci faccio adesso
che sono vecchio, che tutto s’innova,
che il passato è macerie, che alla prova
impari mi trovai di spaventose
vicende? Viene meno anche la fede
nella morte, che tutto essa risolva.

Avevo il mondo per me; avevo luoghi
del mondo dove mi salvavo. Tanta
luce in quelli ho veduto che, a momenti,
ero una luce io stesso. Ricordi,
tu dei miei giovani amici il più caro,
tu quasi un figlio per me, che non pure
so dove sei, né se più sei, che a volte
prigioniero ti penso nella terra
squallida, in mano al nemico? Vergogna
mi prende allora di quel poco cibo,
dell’ospitale provvisorio tetto.
Tutto mi portò via il fascista abbietto
ed il tedesco lurco.

Avevo una famiglia, una compagna;
la buona, la meravigliosa Lina.
È viva ancora, ma al riposo inclina
più che i suoi anni impongano. Ed un’ansia
pietà mi prende di vederla ancora,
in non sue case affaccendata, il fuoco
alimentare a scarse legna. D’altri
tempi al ricordo doloroso il cuore
si stringe, come ad un rimorso, in petto.
Tutto mi portò via il fascista abbietto
ed il tedesco lurco.

Avevo una bambina, oggi una donna.
Di me vedevo in lei la miglior parte.
Tempo funesto anche trovava l’arte
di staccarla da me, che la radice
vede in me dei suoi mali, né più l’occhio
mi volge, azzurro, con l’usato affetto.
Tutto mi portò via il fascista abbietto
ed il tedesco lurco.

Avevo una città bella tra i monti
rocciosi e il mare luminoso. Mia
perché vi nacqui, più che d’altri mia
che la scoprivo fanciullo, ed adulto
per sempre a Italia la sposai col canto

Vivere si doveva. Ed io per tanto
scelsi fra i mali il più degno: fu il piccolo
d’antichi libri raro negozietto
Tutto mi portò via il fascista inetto
ed il tedesco lurco.

Avevo un cimitero ove mia madre
riposa, e i vecchi di mia madre. Bello
come un giardino; e quante volte in quello
mi rifugiavo col pensiero! Oscuri
esigli e lunghi, atre’ vicende, dubbio
quel giardino mi mostrano e quel letto.
Tutto mi portò via il fascista abbietto
– anche la tomba – ed il tedesco lurco.

Umberto Saba

Prime edizioni di "Trieste e una donna" e "Il piccolo Berto". In primo piano: ricevuta postale scritta a mano di Umberto Saba.

Prime edizioni di “Trieste e una donna” e “Il piccolo Berto”. In primo piano: ricevuta postale scritta a mano di Umberto Saba.


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Ennesimo errore, ennesima rarità: Raffaello segreto

Di recente sembra che gli errori da parte della case editrici nostrane si siano moltiplicati.

Einaudi, per esempio, qualche tempo fa, sbagliò la foto dell’autore in copertina; la Feltrinelli il nome dell’autore e ora tocca alla casa editrice Sperling & Kupfer che, assieme alla Piemme, cura la collana Pickwich con autori del calibro di Sveva Casati Modignani, Stephen King, Michael Connelly, Nicholas Sparks, ecc…

Il libro in oggetto è una edizione economica di un libro già uscito nell’ottobre 2015 e ripubblicato il 28 marzo scorso che si intitola “Raffaello segreto“. Si tratta di un bel saggio in cui lo scrittore e storico dell’arte Costantino D’Orazio racconta e celebra il genio del pittore e architetto rinascimentale ripercorrendone la vita e le opere.

“Raffaello segreto” edizione Pickwick. L’esterno della copia con errore è identico alla versione corretta ora nelle librerie.

Il libro è stato molto apprezzato dai lettori, forte anche dei due libri precedente dello stesso autore, “Leonardo segreto” e “Caravaggio segreto”, e di una scrittura chiara e appassionata.

Vi parlo di questo libro in quanto con l’uscita dell’edizione economica, la Sperling & Kupfer ha fatto confusione con il contenuto delle pagine interne: l’inserto a colori, con le tavole di Raffaello che aiutano il lettore ad apprezzare ancora di più il genio di Urbino, contiene disegni di Leonardo Da Vinci!

Un errore di impaginazione certamente dovuto all’esistenza del precedente volume “Leonardo segreto” in cui era contenuto. Probabilmente, quello che è successo è che sia stato copiato in toto l’inserto di Leonardo nel volume di Raffaello.

Ovviamente, il libro è stato prontamente ritirato da tutte le librerie.

Il valore? troppo presto per dirlo, ma si tratta comunque di una chicca per gli appassionati del genere.

Pagina dei crediti del libro “Raffaello segreto” di Costantino D’Orazio.

Pagine interne errate. Le tavole riproducono le opere di Leonardo Da Vinci e non di Raffaello.

Altre pagine interne errate. Le tavole riproducono le opere di Leonardo Da Vinci e non di Raffaello.


L’incipit:

«RAFFAELLO Sanzio “non visse da pittore, ma da principe”.»
(Costantino D’Orazio)

Anno di pubblicazione: I edizione Pickwick marzo 2017
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Prezzo originale: 9,90 Euro
Pagine: 197


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

 

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere: