Va’, metti una sentinella (Go set a watchman) di Harper Lee

01032016-154754-Harper Lee

Immagina di avere finalmente tra le mani il seguito di uno dei libri più amati al mondo.
Lo hai atteso per 55 anni. Era infatti il 1960 quando uscì “Il buio oltre la siepe” (“To kill a mockingbird” titolo originale), libro capolavoro dell’allora esordiente trentaquattrenne Harper Lee. (L’autrice, recentemente scomparsa, diede l’ok per la pubblicazione dopo che il manoscritto fu ritrovato in una cassetta di sicurezza dove era stato erroneamente archiviato e pensato perso per sempre.)
Magari sei tra quelli che si negano agli amici per non essere disturbati perché vuoi goderti il tuo nuovo acquisto. Ti immergi nella lettura, arrivi intorno a pagina 252 e… qualcosa non torna.
Prosegui, arrivi a pagina 261… 265… 268, 272 e 277 ma non riesci più a capire bene la trama perché i dialoghi non funzionano più… e sei al finale!
E certo che non ti ritrovi più… mancano righe! frasi intere, numeri di pagine… dialoghi…
Solo allora scopri di avere in mano una copia sbagliata! E non sei il solo. Anche altri utenti iniziano a protestare, fai una veloce ricerca su Google e non solo non sei l’unico sfortunato ma, anzi, a dire il vero, siete un bel po’… soprattutto se hai comprato il libro su Amazon.

Poche ore dopo esce un articolo sul Guardian:

A number of the first 25,000 copies of Harper Lee’s new novel Go Set a Watchman are missing paragraphs and sentences from the final pages – with many readers complaining it has tainted their reading of the book. It is unknown how many of the books purchased are missing the pieces of text.

The novel, a sequel to Lee’s 1960 debut, To Kill a Mockingbird, sold more than 105,000 copies in the UK on its first day of release. According to publisher Penguin Random House, the misprint occurred after an error at the printers resulted in six pages towards the end of the UK edition having missing lines.

In a statement the publisher added: “Due to an error in the printing process a limited number of copies of Harper Lee’s Go Set a Watchman are faulty. Replacement copies are currently being printed and the situation will be resolved swiftly.”

(potete leggere l’articolo completo qui The Guardian – Harper Lee)

C’è stato, quindi, un errore durante la stampa del romanzo e, come riportato dal tabloid inglese, 25 mila copie sono affette da questo problema per un totale di 6 pagine a libro. Gli utenti iniziano a protestare e Amazon, che sembra essere il distributore più colpito, decide di sostituire gratuitamente le copie in possesso dei clienti.
Ma durante il fine settimana la società ha deciso di assicurarsi che i lettori desiderosi riescano a finire il libro e decide di addirittura di inviare loro via email le righe mancanti. L’oggetto della mail recita: Missing lines from Go Set a Watchman – Please only open after reaching page 252.’ e avvisava sul potenziale spoiler sul finale del libro.

Sui siti specializzati in vendita di libri rari iniziano ad apparire le prime copie difettose. Un utente ne acquista una copia per 988 Sterline (circa 1.280 Euro)!
A parte questo caso, le copie poco dopo iniziano a scendere di prezzo. Ma comunque al momento il prezzo medio è sui 150/200 sterline (195/260 euro) e molto probabilmente con il tempo il valore potrebbe salire.

 

Harper Lee ci ha lasciato il 19 febbraio scorso all’età di 89 anni. Nel 2007,  fu premiata dal Presidente degli Stati Uniti George W. Bush con la più alta onorificenza civile statunitense, la Medaglia presidenziale della libertà, per il suo primo e più famoso romanzo che, secondo la motivazione del premio: «Ha influenzato il carattere del nostro paese in meglio. È stato un dono per il mondo intero. Come modello di buona scrittura e sensibilità umana questo libro verrà letto e studiato per sempre». (fonte: Wikipedia)

Per quanto riguarda la trama, “Va’ metti una sentinella” è un sequel. Scritto e proposto a un editore nel 1957, venne rifiutato. Fu quindi proposto all’autrice di rivedere la storia e di rappresentare Scout, la protagonista come una bambina. La signora Lee lavorò all’idea per altri due anni e alla fine nacque “Il buio oltre la siepe”.
L’uscita del secondo libro ancora ambientato Maycomb in Alabama ha suscitato un aspro dibattito tra i fan. La ventiseienne Jean Louise Finch, la piccola “Scout” torna a casa da New York per visitare l’anziano padre, Atticus. Ma qualcosa è decisamente cambiato nell’uomo che per molti , ancora oggi, è una delle figure più pure della letteratura americana. (Mi fermo qui per non rovinare la trama a chi non l’avesse ancora letto).

Un’ultima curiosità:
il titolo italiano del primo libro è decisamente diverso da To “Kill a Mockingbird”. Venne infatti tradotto con “Il buio oltre la siepe” parafrasando un passaggio del libro:

Una volta Atticus mi aveva detto: “Non riuscirai mai a capire una persona se non cerchi di metterti nei suoi panni, se non cerchi di vedere le cose dal suo punto di vista”. Ebbene, io quella notte capii quello che voleva dire. Adesso che il buio non ci faceva più paura, avremmo potuto oltrepassare la siepe che ci divideva dalla casa dei Radley, e guardare la città e le cose dalla loro veranda. Accadde tutto in una notte, la notte più lunga, più terribile… e insieme la più bella di tutta la mia vita.

Il “buio oltre la siepe” rappresenta quindi l’ignoto e la paura che genera il pregiudizio.

Nel testo italiano ci sono tuttavia numerosi riferimenti al titolo originale “uccidere un usignolo” descritta come un’azione crudele e immotivata.

Il problema è che “mockingbird” (nome scientifico Mimas polyglottos), molto diffuso negli Stati Uniti, non è presente in Italia: mancando di un preciso corrispondente è stato tradotto spesso come passero, raramente come usignolo, e – incomprensibilmente – come merlo nell’edizione Feltrinelli in mio possesso tradotta da Amalia D’Agostino Shanze.

La traduzione del titolo del secondo libro invece è rimasto inalterato e fa riferimento a un passo delle Bibbia citato nel libro stesso:

Poiché così mi ha detto il Signore: “Va’, metti una sentinella che annunci quanto vede” (Isaia 21,6)

 

LA COPERTINA (fronte):

01032016-154850-Harper Lee

LA COPERTINA (retro):

01032016-154903-Harper Lee

01032016-154935-Harper Lee

LA PAGINA 261: dove manca parte del testo e il numero della pagina.


L’incipit:

«Since Atlanta, she had looked out the dining-car window with a delight almost physical. Over her breakfast coffee, she watched the last of Georgia’s hills recede and the red earth appear, and with it tin-roofed houses set in the middle of swept yards, and in the yards the inevitable verbena grew, surrounded by whitewashed tires. She grinned when she saw her first TV antenna atop an unpainted Negro house; as they multiplied, her joy rose.»
(Harper Lee)

Anno di pubblicazione: 2015
Casa editrice: William Heinemann: London
Prezzo originale: 18.99 Sterline
Pagine: 278


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

 

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Prime edizioni. Cosa sono e perché hanno valore.

Prime edizioni

Prime edizioni di Harry Potter, Il Grande Gatsby, Ulisse e Il giovane Holden.

Può sembrare banale dirlo, ma la prima edizione di un libro è semplicemente la prima stampa di un libro, la prima tiratura.
Quando un libro viene pubblicato per la prima volta, l’editore decide il numero di copie da immettere sul mercato (numero assolutamente variabile a seconda dell’autore da promuovere) anche per capire la reazione del pubblico.
A volte parliamo di poche centinaia di copie, a volte di migliaia, altre volte parliamo di numeri molto più importanti (per esempio: “il quarto volume della serie, Harry Potter e il Calice di Fuoco fu pubblicato l’8 luglio del 2000 con una prima tiratura record di 1 milione di copie per il Regno Unito.” – Fonte: http://www.jkrowling.com/it_IT/).

Ovviamente, per l’essere umano, tutto ciò che è limitato a pochi esemplari è oggetto di desiderio. Qualsiasi collezionista vuole possedere qualcosa di raro, accessibile solo a lui per godimento personale, oppure semplicemente, per poterci lucrare sopra.

E i libri non fanno eccezione. Ci sono persone che spendono cifre altissime per potersi accaparrare alcune edizioni rare (o le superstiti che si trovano in commercio). Qui gli esempi non si contano più: una società inglese, quest’anno (2015), riporta dei prezzi di riferimento per la prima edizione di The Great Gatsby di Francis Scott Fitzgerald del 1925: 246.636 sterline (350mila euro!); seguono  The Hobbit di J.R.R. Tolkien del 1937 a 65.420 sterline (circa 92mila euro) e Ulysses di James Joyce classe 1922, stimata 24.557 sterline (sui 35mila euro). (Fonte: http://www.ilpost.it/2015/11/19/prime-edizioni-900-che-valgono-di-piu/). Per non parlare poi delle prime edizioni di Harry Potter o del Giovane Holden (titolo originale The Catcher in the rye) di J.D. Salinger.

Che cosa influisce sul valore di un libro
Teniamo però in considerazione una cosa importante: le prime edizioni sono materia viva. Nel senso che cambiano aspetto, ma sopratutto valore con il tempo e con lo spazio.
Per quanto riguarda lo spazio: esistono prime edizioni americane, inglesi e poi per ogni Paese dove il libro viene pubblicato. Una prima edizione italiana di Umberto Eco può avere più valore qui da noi che in Inghilterra (anche se non è detto).
Per quanto riguarda il tempo: alcune prime edizioni sono come il vino, con il tempo acquisiscono valore e pregio, ma dipende anche dall’offerta e se, alla fine, troviamo un acquirente disposto a pagare quella cifra per comprarlo. Esistono le mode: se al cinema il film tratto dal libro ha un discreto successo anche il libro verrà visto con altri occhi.
Infine, lo stato di conservazione è tutto: bastano dei piccolissimi strappi, segni di umidità, dediche degli autori personalizzate, appunti di lettori precedenti a far calare drasticamente la quotazione del libro.

Come verificare di possedere una prima edizione?
Come tutte le prime volte,  basta allenare un po’ lo sguardo e farsi aiutare da chi ne sa di più (anche internet può andare bene, a patto di riuscire a filtrare i risultati). Ogni casa editrice, italiana o straniera, usa diverse modalità per identificare la loro prima edizione.

La prima cosa da fare, e la più semplice, è quella di aprire il libro e andare a controllare nella pagina dove vengono riportati i diritti di autore se compare  la scritta “prima edizione”.
Altra modalità di ricerca, è quella di verificare la sequenza numerica che ultimamente piace a molti editore inserire:
generalmente tra 1 e 10, compaiono anche essi nella pagina dei diritti d’autore.

I numeri possono essere in ordine crescente o decrescente o a volte possono non avere nessun ordine ben definito, dipende dall’editore. Per esempio:

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
10 9 8 7 6 5 4 3 2 1
1 3 5 7 9 10 8 6 4 2

significa che sono tutte delle prime edizioni

E le ristampe?
Ovviamente, inutile dirlo, le cose non sono sempre così semplici. Esistono le ristampe! Sì, avete capito bene la ristampa della prima edizione! Argh… cosa significa? Che se è una terza ristampa della prima edizione non ha valore? beh, non è detto. Ce l’ha, ma non come l’agognata prima edizione/prima ristampa.
Questo spiega anche l’oscillazione dei prezzi di prime edizioni che trovate su eBay per capirci. A una prima occhiata, sembrano tutte uguali, poi vai a leggere i dettagli e scopri che sì, è una una prima edizione, ma magari 17esima ristampa.

Una degli ultimi suggerimenti è controllare, in assenza di una serie numerica, se è presente l’anno di stampa. Anche qui, è sempre meglio informarsi sull’anno di pubblicazione del libro e fare una ricerca in tal senso.

Insomma, per concludere, si tratta di sentirsi un po’ Indiana Jones, perdersi nella selva oscura di questo inferno (soprattutto economico) e riemergere con il Santo Graal delle prime edizioni con il perenne sogno di averlo trovato abbandonato su qualche scaffale di qualche libreria di periferia a pochi euro. Un po’ difficile a essere sinceri, ma, alla fine, anche vincere alla lotteria è difficile, ma qualcuno che vince c’è.

Alla prossima,
Massimo.

Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere: