Incontro con… Matteo Righetto

Una delle cose più belle di questo blog è che ogni tanto usciamo dal virtuale e ci ritroviamo nel mondo reale.

Ecco quindi che abbiamo organizzato un altro incontro (dopo quelli con Turconi e Radice e Simone Cristicchi) con un altro autore italiano che sta crescendo di popolarità libro dopo libro. È senza dubbio una buona occasione per conoscere questo scrittore e per portare a casa una copia del libro autografata!

Matteo Righetto, nato a Padova nel 1972 ha pubblicato per TEA nel 2012 Savana Padana, La pelle dell’orso (Guanda, 2013) da cui è stato tratto un film con Marco Paolini per la regia di Marco Segato, Apri gli occhi (TEA, 2016, vincitore del Premio della Montagna Cortina d’Ampezzo) e Dove porta la neve (TEA, 2017).

Righetto, presenterà a Trieste il suo nuovo libro L’ANIMA DELLA FRONTIERA (Mondadori, 2017).

La copertina del libro di Matteo Righetto “L’anima della frontiera”. Edizione Mondadori 2017

Prima della pubblicazione in Italia, il 13 giugno per Mondadori, ‘L’anima della frontiera’ è diventato un caso. Con questo western letterario sul mondo dei contrabbandieri di tabacco nel Nord Italia, lo scrittore ha suscitato l’interesse di numerosi editori stranieri e sono già stati venduti i diritti in 10 paesi, dagli Stati Uniti alla Polonia passando per Gran Bretagna, Australia, Canada, Germania e Olanda. (Fonte: Ansa.it)

Di cosa parla il libro?
Nevada. Sembra il nome di un deserto, e invece è il luogo in cui vive la famiglia De Boer, in alta val Brenta. Una terra circondata da boschi aspri, dove le case si inerpicano su pendii vertiginosi. Sono gli ultimi anni dell’Ottocento e i De Boer, che lavorano nei campi di tabacco, il pregiatissimo Nostrano del Brenta, vivono consapevoli che solo nella muta e rispettosa alleanza tra uomini e natura selvaggia esiste una possibilità di sopravvivenza. Augusto è il capofamiglia, un uomo taciturno, lavoratore instancabile, capace di ascoltare la voce dei boschi e il fischio del vento. Jole, la figlia maggiore, ha la stessa natura selvatica del padre e una sfrenata passione per i cavalli. I proventi del tabacco però non sono sufficienti a far campare la famiglia con dignità. Ecco perché Augusto un giorno decide di tentare il viaggio oltre la frontiera austriaca per contrabbandare l’eccedenza del raccolto. Un cammino impervio attraverso sentieri e passaggi impraticabili, minacciato dalle bestie feroci, dagli agguati dei briganti e dalla sorveglianza dei finanzieri. Jole ha quindici anni quando suo padre stabilisce che è giunto il momento di portarla con sé: qualcun altro deve conoscere la strada. Non passerà molto tempo prima che la ragazza si trovi a dover compiere il viaggio da sola. Inoltrandosi con solenne lentezza in una natura maestosa, rifugio accogliente e poi, d’un tratto, trappola insidiosa, Jole cerca di portare al sicuro il suo prezioso carico e di capire cosa sia successo al padre, che tre anni prima non ha più fatto ritorno proprio da una spedizione in Austria. L’anima della frontiera è un romanzo unico, lirico e scarno, nitido come un cielo spazzato dal vento. Matteo Righetto descrive con maestria scenari naturali di grande bellezza e ne fa il correlativo oggettivo dell’anima delicata e forte della sua splendida protagonista. Un western letterario che con una scrittura pulitissima e quasi materica riesce a trasmetterci un’epica intima e solenne. (Fonte: Mondadori.com)

L’appuntamento è quindi per venerdì 7 luglio, alle ore 18:00 presso la bellissima Libreria Lovat di Trieste in Viale XX Settembre, 20.

Qui l’evento Facebook per maggiori informazioni:
Evento Facebook: Matteo Righetto a Trieste


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

 

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Il bottino di Cartoomics 2017

Ed eccoci di rientro dalla grande avventura targata Cartoomics!

Tra gli acquisti: “La terra dei figli di Gipi”, “Storie di un’attesa” di Sergio Algozzino e “Sputa tre volte” di Davide Reviati.

Giunta alla sua 24a edizione, questa manifestazione nel 2016 ha raggiunto i 75.000 visitatori in tre giorni ed è diventata, nel corso degli anni, un must tra gli amanti del genere fumetto. I numeri di quest’anno potrebbero essere addirittura superiori.

Non solo fumetti ovviamente, ma anche incontri, anteprime, premiazioni, ecc…

Disegno con dedica di Gipi sul volume “La terra de figli”, edizione Coconino Press.

Bellissima illustrazione di Stefano Turconi sul nuovo volume edito da Bao Publishing “Orlando curioso” scritto da Teresa Radice.

Per ovvie ragioni, considerando il fumetto una forma di letteratura con pari dignità di un romanzo (basti pensare ad autori/autrici come Tiziano Sclavi, GiPi, Paco Roca, ZeroCalcare, Cyril Pedrosa, la coppia Turconi-Radice, Lorenzo Ceccotti, Igort, Scott McCloud e Brian K. Vaughan per citarne alcuni), non potevamo non caricarci di libri e andare a caccia di dediche e sketch che renderanno i volumi della nostra biblioteca sì più rari, ma anche più nostri.

Tre giorni quindi passando dallo stand di un editore all’altro. Realtà piccole, medie e grandi, tutte con tantissima affluenza. Le nostre mete preferite: lo stand di BaoPublishing (che quest’anno ha portato in Italia, in esclusiva, gli autori della serie di successo “The Wicked + The Divine”, Kieron Gillen, Jamie McKelvie oltre ai nostrani Turconi-Radice, Japoco Paliaga e French Carlomagno), lo stand della Bonelli (con una parata di autori di classe: Angelo Stano e Gigi Cavenago per citarne due), quello di Tunué (con la presentazione del volume “Il Piccolo Caronte” di Sergio Algozzino e Deborah Allo) e lo stand della Panini Comics che quest’anno ha festeggiato il Maestro Cavazzano e i suoi 50 anni di carriera nella scuderia Disney. Coconino  Press ha invece fatto il pienone con GiPi e Davide Reviati.

Nell’articolo, una raccolta di autografi e dediche che abbiamo conquistato con tanta pazienza!

Acquisti: Numero uno di “The Wicked + The Divine” con autografo degli autori e l’edizione speciale del numero Topolino in edicola con la storia che celebra il ritorno del Maestro Cavazzano “Topo Maltese”.

Disegno e dedica di Davide Reviati sul volume “Sputa tre volte”. Edizione Coconino Press.

Volume che festeggia i 30 anni dell’Indagatore dell’incubo, numero 1 originale di Dylan Dog e due volumi con le copertine di Angelo Stano.

Autografo del Maestro Angelo Stano, sul numero uno originale di Dylan Dog uscito nel 1986!

Illustrazione con acquarello di Sergio Algozzino sul volume edito da Tunué “Dieci giorni da Beatle”.

Altri acquisti: “Orlando curioso” di Stefano Turconi e Teresa Radice, “Dieci giorni da Beatles” di Sergio Algozzino e il volume a tiratura limitata presentato da Bao Publishing “The Wicked + The Divine” di McKelvie e Cowles.

Autografi e dediche di autori Bonelli per Dylan Dog: Angelo Stano, Claudio Chiaverotti, Tito Faraci e Pasquale Ruju. Illustrazione di Gigi Cavenago.


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Incontro con… Simone Cristicchi (il giorno dopo)

Questo post è un ringraziamento ai tanti che hanno affollato la sala dell’Antico Caffè San Marco in occasione della presentazione del libro di Simone Cristicchi, organizzata assieme a TriesteBook Festival e alla Libreria del Caffé (tra l’altro, se passate per Trieste, non fatevi mancare una visita a questa bellissima libreria gestita dalla titolare Loriana Ursich).

È sempre un piacere contribuire a dare voce a storie che meritano di essere conosciute ai più.

Simone Cristicchi dialoga con Sara Del Sal sul romanzo “Il secondo figlio di Dio”.

Simone Cristicchi legge alcune pagine del romanzo “Il secondo figlio di Dio”.

All’Antico Caffè San Marco il pubblico ascolta la storia de “Il secondo figlio di Dio”.

Simone Cristicchi firma le copie del suo romanzo.


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Incontro con… Simone Cristicchi

Come già successo la scorsa estate con l’incontro con il duo di autori Turconi e Radice ospiti a Trieste, La Biblioteca che vorrei vi invita a conoscere un altro autore di spicco.

Simone Cristicchi, attore, cantante e scrittore, presenterà il suo ultimo libro “Il secondo figlio di dio” nella città che gli ha conferito la cittadinanza onoraria: Trieste.

Alcuni dei libri scritti da Simone Cristicchi: “Dialoghi incivili”, “Magazzino 18” e “Il secondo figlio di dio”.

L’autore ci parlerà dell’incredibile storia di David Lazzaretti, mistico ed eretico cristiano, riportando alla luce una vicenda meravigliosa e coinvolgente, intrisa di utopia e spiritualità, sporca di sangue e misteri ancora da chiarire.

David Lazzaretti nacque nel 1834 ad Arcidosso, sul Monte Amiata, in una Toscana matrigna e madre, terra di indigenza e sfruttamento, più vicina al Medioevo che al Rinascimento. Barrocciaio per necessità, fin da ragazzo venne assalito da febbri e visioni mistiche che lo portarono a elaborare un personalissimo percorso spirituale nel seno della chiesa cattolica. Il simbolo della sua misteriosa missione era formato da due C contrapposte con la croce nel mezzo, come l’annuncio di un nuovo Cristo in arrivo.
La sua predicazione richiamò migliaia di persone tra la Toscana e la Sabina, organizzati in una convivenza armoniosa che richiamava le prime comunità cristiane, in cui solidarietà, uguaglianza e istruzione erano le fondamenta, e il lavoro in comune un mezzo per elevare lo spirito. 
Se da una parte fu perseguitato dalla Legge e considerato un pazzo sovversivo, dall’altra l’ ”Uomo del mistero” conquistò seguaci e protettori tra nobili intellettuali e alti prelati godendo del sostegno sia di Don Giovanni Bosco che del pontefice Pio IX. 
Ma il suo messianesimo misero in allerta sia la Chiesa di Roma che il neonato Stato Italiano, i quali per la prima volta si trovarono in accordo. Il 18 agosto del 1878, la pallottola di un carabiniere pose fine alla sua esistenza.

L’appuntamento è quindi per sabato 4 marzo, alle ore 11:30 presso il prestigioso Caffè San Marco di Trieste.

Qui l’evento Facebook per maggiori informazioni:
Evento Facebook: Simone Cristicchi all’Antico Caffè San Marco


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

 

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Stefano Turconi e Teresa Radice a Trieste l’8 luglio 2016

Questo post è un invito!
Il blog esce per un sera dal suo mondo virtuale per trasferirsi a Trieste, città dove vivo, nell’occasione di un incontro reale con un duo di autori di grande peso nel panorama letterario.

Faccio una premessa: gli autori fanno grande letteratura, fanno libri, ma li fanno non solo con le parole ma anche con il disegno.
Sto parlando di Stefano Turconi e Teresa Radice, rispettivamente disegnatore lui e autrice di testi lei.

Lo scorso anno hanno pubblicato un’opera edita in maniera egregia da BAO Publishing che piano piano ha conquistato migliaia di lettori. Il titolo della graphic-novel è “Il porto proibito” e a chi non l’avesse ancora letto consiglio di non perdere ancora tempo e correre a comprarsi una copia.

Il porto proibito 1

La copertina dell’edizione italiana de “Il porto proibito”.

“La pubblicazione de Il porto proibito è una bellissima notizia per il mondo del fumetto italiano.”

scrisse Andrea Coccia e se questo non bastasse, sappiate che i lavori di Turconi e Radice sono già stati tradotti all’estero e ristampati in Italia, non smettendo di raccogliere premi e critiche entusiaste.

Il libro in oggetto è un racconto d’avventura in quattro atti, disegnato interamente a matita. A differenza dei lavori precedenti, qui non ci sono colori. È una storia che vi prende il cuore. È una storia che ricorda le ballate per vecchi marinai. È una storia che vi rimarrà dentro a lungo.

Una delle pagine interne al volume.

Una delle pagine interne al volume.

Turconi e Radice sono autori anche di un altro libro bellissimo, pieno di poesia e colori, che ho finito di leggere pochi giorni fa: “Viola giramondo”.

La copertina italiana di Viola Giramondo.

La copertina italiana di Viola Giramondo.

Una delle pagine del volume "Viola giramondo".

Una delle pagine del volume “Viola giramondo”.

Una delle pagine del volume "Viola giramondo".

Una delle pagine del volume “Viola giramondo”.

La protagonista di questa avventura si chiama Viola come il fiore di fine febbraio, come il settimo colore dell’arcobaleno, come lo strumento che nella famiglia degli archi fa da contralto. Un nome che evoca la predisposizione a cogliere il bello di quanto la circonda. E che suona come un augurio quando si vive la profonda trasformazione dell’età adolescente […]

Viola Vermeer, della grande famiglia del Cirque de la Lune, è una ragazzina curiosa, allegra ed espan­siva, con una spiccata sensibilità per la bellezza in tutte le sue forme. Nel suo cammino in giro per il mondo – da Parigi a New York, dalla laguna veneziana all’India, dal Canada ad Amsterdam, da Damasco alle vette dell’Hima­laya – incontrerà personaggi straordinari tutti da scoprire…

Se volete rimanere aggiornati sulle attività di questa bellissima coppia, il loro blog è La casa senza Nord

Sperando di avervi un po’ incuriositi vi aspettiamo venerdì 8 luglio alle ore 17:00 presso la fumetteria “Neopolis” di Trieste, in Piazza Vecchia n. 5 per farvi disegnare una dedica sul vostro libro!

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere: