I miei anni con Freddie Mercury

La vecchia generazione non l’ha dimenticato e una nuova generazione lo sta riscoprendo.
Sto parlando di Freddy Mercury, pseudonimo di Farrokh Bulsara, il cantante (e non il leader come lui stesso teneva a sottolineare) dei Queen.

Indubbiamente il docs-film Bohemian Raphsody, con il suo record di incassi e l’incetta di premi vinti, ha riacceso i riflettori sulla vita e sulle canzoni della band britannica.

Prima edizione del libro "I miei anni con Freddie Mercury" stampato dalla Mondadori nel 1994.

Prima edizione del libro “I miei anni con Freddie Mercury” stampato dalla Mondadori nel 1994.

Non voglio riassumere la vita di Mercury in questo post, non avrebbe senso, farò solo un accenno alla sua vita sentimentale degli ultimi anni, prima della morte. Mercury infatti, dietro la facciata del successo e della trasgressione, fu un uomo innamorato. Gli ultimi sette anni della sua vita – quelli con grandi successi discografici ma anche gli anni della malattia – li condivise con Jim Hutton.
La relazione tra i due fu sempre gestita con riserbo con la stampa e con gli amici. Addirittura ai familiari di Mercury Jim veniva sempre presentato come il giardiniere che curava il parco della famosa casa in cui viveva con Freddie, Garden Lodge a Londra (fatto peraltro vero).

Parlo di Jim Hutton, perché diversi anni dopo la morte di Mercury, nel 1994, scrisse un libro Mercury and me, dove raccontava la sua vita accanto al cantante dei Queen fino alla morte di quest’ultimo.

Il libro ebbe un discreto successo e fu tradotto in italiano, nel novembre dello stesso anno, per Mondadori, con il titolo I miei anni con Freddy Mercury.

Come succede quando si tocca la vita di un personaggio molto amato, la semi-autobiografia fu (ed è ancora) criticata soprattutto dai fan per lo spaccato che dava di Freddie, a tratti dipinto come uno spendaccione maniaco dello shopping, a tratti come una star ipersensibile, gelosa e dai repentini cambi d’umore.
In realtà si tratta di una visione privilegiata di un tratto di vita privato di una star tra le più note al mondo, ritratto che, come spesso succede, svela il lato più umano e debole che Freddie, come tutti, aveva.

La narrazione si sviluppa per 270 pagine (con diverse fotografie all’interno)  in una edizione con copertina rigida e una sovraccoperta dove Freddie posa a petto nudo tenendo a braccia aperte una bandiera inglese. Sul retro invece troviamo una foto di Freddy in compagnia di Jim che tiene in braccio un gatto.

Una pagina interna della prima edizione del libro "I miei anni con Freddie Mercury" stampato dalla Mondadori nel 1994.

Una pagina interna della prima edizione del libro “I miei anni con Freddie Mercury” stampato dalla Mondadori nel 1994.

Il libro, non più ristampato, ha una valutazione che varia tra i 50 e i 100 euro e appare di tanto in tanto su eBay o AbeBooks.
Nella pagina dei crediti, presente nel libro, potete trovare i dati relativi alla prima edizione del novembre 1994.

Pagina dei crediti che identificano la prima edizione del libro "I miei anni con Freddie Mercury" stampato dalla Mondadori nel 1994.

Pagina dei crediti che identificano la prima edizione del libro “I miei anni con Freddie Mercury” stampato dalla Mondadori nel 1994.

AGGIORNAMENTO DEL 7 APRILE 2019:
Oggi, spinto dalla richiesta di molti lettori, ho fatto una ricerca sulla disponibilità del volume sul web.
Beh, il risultato è stato interessante, perché ho scoperto che il valore di mercato che avevo specificato durate la stesura dell’articolo è stato ampiamente superato.
Infatti, le uniche copie disponibili sono due: una in vendita a 180 euro, l’altra a 219,99.

 


L’incipit:

«Era stato solo un altro dei miei soliti weekend a Londra, verso la fine del 1983. Avevo trascorso buona parte del tempo bevendo nei pub e nei club gay con il mio amante, John Alexander.»
(Jim Hutton)

Anno di pubblicazione: 1994
Casa editrice: Arnoldo Mondadori Editore
Prezzo originale:  [non disponibile] Lire 
Pagine: 270


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

massimo