L’edizione russa di Peter Pan illustrata da Miturich

Quando ho aperto questo blog, avevo in mente una serie di volumi che prima o poi avrei voluto avere nella mia libreria (anche per questo ho chiamato così il blog :)).
Piccole gemme, non sempre facili da trovare (sia in buone condizioni, sia a un prezzo onesto), ma sono sempre stato fiducioso che prima o poi ce l’avrei fatta.
Da qualche giorno, infatti, posso finalmente depennare dalla lista dei desideri un libro che sognavo di avere da diversi anni.
Eccolo qui:

Peter Pan, edizione russa del 1971 illustrato da Miturich. Edizione piuttosto rara.

Peter Pan, edizione russa del 1971 illustrato da Miturich. Edizione piuttosto rara.

Non vi sforzate di leggere il titolo a meno che non riusciate leggere il cirillico.
Si tratta di un’edizione russa di un classico dell’infanzia: Peter Pan di J.M. Barrie.

Il libro viene pubblicato a Mosca nel 1971 per le edizioni Iskusstvo. La traduzione dall’inglese è affidata a Boris Zakhoder (uno di quei poeti che, dopo la morte di Stalin, vide nella letteratura per bambini un modo per aggirare la censura che affliggeva in quegli anni altre forme letterarie), mentre le illustrazioni sono dell’artista Mai Miturich, ancora oggi considerato uno dei più bravi illustratori della Russia Sovietica post bellica.

Retro copertina essenziale dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Retro copertina essenziale dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

La bellezza del volume è già intuibile dalla copertina cartonata in tela con stampa dei colori a rilievo in rosso, nero e oro. Ma sono le illustrazioni interne il vero capolavoro di questo libro. Le pennellate di acquarello di Miturich hanno caratterizzato quasi tutta la carriera dell’artista divenendo un suo tratto riconoscibile del suo stile.

La tiratura di questo volume è di 50mila copie, ma è difficile trovarne una in condizioni eccellenti. Molte saranno state buttate negli anni e, inoltre, i libri che sono passati per le mani dei bambini difficilmente superano indenni la prova del tempo: più spesso infatti riportano macchie, disegni o sono totalmente privi delle sopraccoperte (che, se presenti, fanno salire la quotazione del libro. Vedi il post su Il Piccolo Principe di qualche giorno fa.).

Pagine interne dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Pagine interne dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Quanto vale?
Ovviamente la quotazione è variabile ma, a oggi, difficilmente troverete un esemplare a meno di 180 euro.

Pagine interne dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Pagine interne dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Pagine interne dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Pagine interne dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Pagine interne dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Pagine interne dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich.

Pagine interne dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich. Testo in cirillico.

Pagine interne dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich. Testo in cirillico.

Pagine interne dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich. Testo in cirillico.

Pagine interne dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich. Testo in cirillico.

Pagine interne dell'edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich. Testo in cirillico.

Pagine interne dell’edizione russa di Peter Pan (1971), illustrato da Miturich. Testo in cirillico.

 

 


L’incipit:

«[non disponibile]»
(J.M. Barrie)

Anno di pubblicazione: 1971
Casa editrice: Iskusstvo
Prezzo originale: 15 copechi
Pagine: 126
Formato: 17×22 cm


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Il bottino di Cartoomics 2019

“Posso leggere la Bibbia, Omero e Dylan Dog per giorni e giorni senza annoiarmi.”
Umberto Eco

Basterebbe questa citazione a riabilitare una volta per tutte il mondo dei fumetti agli occhi di chi pensa che i fumetti siano una cosa per bambini.
E basterebbe entrare in una libreria e recarsi nella sezione chiamata oggi “graphic novel” per trovare dei capolavori assoluti sia in termini di segno grafico che di contenuto.

Autori come Zerocalcare e Gipi, per esempio, sono diventati esempi di narratori di una generazione spesso difficile da comprendere per chi ha meno di 40-50 anni. Disegnatori come Stefano Turconi (assieme a Teresa Radice che si occupa di scrivere le storie) sfornano storie di un livello eccelso, pluripremiati in Italia, ma soprattutto in Francia e da poco entrati anche nel mercato americano. Potrei continuare per ore in difesa della nona arte, citando capolavori e autori che per fortuna godono ogni giorno di crescente successo.

Ma se tutto questo non fosse convincente, allora vi consiglio di visitare una delle tante fiere del fumetto presenti sul nostro territorio. Da LuccaComics, vera mecca per appassionati del genere, passando per il Cartoomics di Milano o il Comicon di Napoli fino ad arrivare a Be Comics di Padova, per esempio.

Lì troverete ogni genere di lettore, dal ragazzino all’uomo anziano, che non ha mai smesso di ritrovarsi nelle storie narrate non solo a parole, ma anche nelle immagini. Per non parlare di collezionisti sfegatati pronti a tirare fuori anche migliaia di euro.

Per quanto mi riguarda, fiere come Cartoomics rappresentano anche l’opportunità di incontrare gli autori di libri che ho letto o che leggerò assieme alla possibilità di tornare a casa con degli autografi e sketch personalizzati accrescendo così anche il valore dei libri stessi.

Quest’anno, però, mi sono limitato solo una toccata e fuga veloce, portando però a casa un piccolo bottino interessante.
Ecco qui un veloce elenco:

  • 3 speciali di Martin Mystère (Bonelli): autografati dal suo creatore Alfredo Castelli
  • 4 Dylan Dog (Bonelli): autografati da Roberto Recchioni (curatore della serie), Angelo Stano (che ha gentilmente realizzato, al volo, una copertina personalizzata del famoso numero 362 con la copertina bianca di Dylan Dog) e Corrado Roi altro maestro indiscusso del fumetto italiano
  • nuove uscite (alcune in anteprima) della casa editrice Bao Publishing: Indomite 2 di Pénelope Bagieu, Stella di Mare di Giulio Macaione (autografato), Murderabilia dello spagnolo Àlvaro Ortiz (autografato), il secondo volume di  Kids with guns di Capitan Artiglio (autografato), il nuovo libro di AlbHey Longo Sfera (autografato), Negativa di Alessandro Baronciani (autografato), Papaya Salad della straordinaria Elisa Macellari (autografato) e Stelle o sparo di Nova (autografato)
  • 2 numeri speciali di Topolino, uno autografato da Silvia Ziche e una copia del PaperSera stampato per l’occasione della fiera
  • e infine – a sorpresa – l’autografo sulla biografia ufficiale di Max Bunker (creatore della serie a fumetti Alan Ford che compie quest’anno 50 anni) e un disegno originale di Dario Perucca.
Fumetti Bonelli: Martin Mystère e Dylan Dog. Sketch di autori Bonelli.

Fumetti Bonelli: Martin Mystère e Dylan Dog. Sketch di autori Bonelli.

Alcuni dei volumi recentemente usciti per Bao Publishing in vendita a Cartoomics.

Alcuni dei volumi recentemente usciti per Bao Publishing in vendita a Cartoomics.

Sketch di Giulio Macaione sul volume "Stella di mare". Bao Publishing.

Sketch di Giulio Macaione sul volume “Stella di mare”. Bao Publishing.

Sketch di Àlvaro Ortiz sul volume "Murderabilia". Bao Publishing.

Sketch di Àlvaro Ortiz sul volume “Murderabilia”. Bao Publishing.

Sketch di Elisa Macellari sul volume "Papaya Salad". Bao Publishing.

Sketch di Elisa Macellari sul volume “Papaya Salad”. Bao Publishing.

Sketch di Capitan Artiglio sul volume "Kids with guns 2". Bao Publishing.

Sketch di Capitan Artiglio sul volume “Kids with guns 2”. Bao Publishing.

Sketch di AlbHey Longo sul volume "Sfera". Bao Publishing.

Sketch di AlbHey Longo sul volume “Sfera”. Bao Publishing.

Sketch di Alessandro Baronciani sul volume "Negativa". Bao Publishing.

Sketch di Alessandro Baronciani sul volume “Negativa”. Bao Publishing.

Edizioni speciali di Topolino.

Edizioni speciali di Topolino.

Biografia autografa di Max Bunker e sketch di Alan Ford disegnato da Dario Perucca.

Biografia autografa di Max Bunker e sketch di Alan Ford disegnato da Dario Perucca.

 

 


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

L’estate che sciolse ogni cosa

Ci sono libri molto conosciuti. Ciò, però, non significa che siano anche i più letti.
Ognuno può riportare alla mente diversi esempi: da Il deserto dei tartari al Dottor Zivago, da Guerra e Pace a It o Anna Karenina, ecc…

E poi ci sono libri (ancora) poco conosciuti. Ed è un peccato perché, una volta letti, ti convinci che tutti dovrebbero leggerlo. E quindi inizi a consigliarlo a tutti quelli che ti capitano sotto tiro o a regalarlo per i compleanni di amici e parenti, per esempio.

Di solito in questo blog parliamo di libri già rari, raramente di possibili rarità future, ma questa volta vogliamo fare un azzardo, una piccola scommessa, dedicando un post a quello che un giorno spero diventi un libro ricercato.

L’anno scorso, una delle mie libraie di fiducia* mi ha suggerito un’opera di una scrittrice americana, tale Tiffany McDaniel, dal titolo accattivante: L’estate che sciolse ogni cosa.

Copertina della prima edizione del libro "L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

Copertina della prima edizione del libro “L’estate che sciolse ogni cosa” di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

Il libro, ho poi scoperto, gode di ottime recensioni anche online.
Ma perché piace così tanto a tutti quelli che l’hanno letto? Senza dubbio la scrittura di Tiffany McDaniel è bella, lirica e struggente: una perla nel panorama mondiale. E non mi sembra poco.
La storia potrebbe ricordare Stephen King e Neil Gaiman, ma forse più Harpeer Lee.
La voce narrante nel romanzo è del tredicenne Fielding Bliss che, dopo molti anni, ricorda l’estate del 1984, proprio quella del titolo, quella che lo segnò profondamente. L’ambientazione è quella di una tipica cittadina del Sud degli Stati Uniti: Breathed, Ohio. Quello che dà il via a tutta la storia è un annuncio che il padre di Bliss pubblica sul giornale locale, in cui invita il diavolo a visitare Breathed. E il diavolo sembra rispondere, presentandosi nei panni di un ragazzino di colore “dagli occhi verdi come le foglie”. A incontrare per primo Sam (così si farà chiamare il ragazzino) è Fielding, che lo porta con sé a casa.  Nel frattempo, il caldo di quell’estate continua a sciogliere i gelati e i pensieri confondendo le certezze degli abitanti, e “il senso del bene e del male, dell’amore e della sofferenza, della fiducia reciproca e della paura.” (cit.)

Il libro è pubblicato in Italia da una casa editrice piccola ma molto interessante: Edizioni Atlantide.
Nata a fine 2015 da un progetto di Simone Caltabellota (già direttore editoriale di Fazi Editore ), Gianni Miraglia (marketing manager), Flavia Piccinni (responsabile redazione) e Francesco Pedicini (direttore di produzione), la casa editrice romana nella sua presentazione propone 10 titoli all’anno, 999 copie per ciascun volume, e vendita esclusiva nelle librerie indipendenti e in abbonamento. Niente Amazon quindi.

Ogni copia del libro, per ogni stampa, reca il numero del volume da 1 a 999. "L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

Ogni copia del libro, per ogni stampa, reca il numero del volume da 1 a 999. “L’estate che sciolse ogni cosa” di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

I volumi pubblicati, con evidente cura, sono numerati da 1 a 999. Le pagine interne sono stampate su carta Aralda da 85 gr. della cartiera Favini, mentre le copertine sono stampate su cartoncino Chagall Bianco da 260 gr. delle cartiere di Cordenons.
Il progetto grafico delle copertine è affidato a 3centogrammi.

Insomma, finalmente una casa editrice che, oltre al contenuto, tiene in considerazione anche la forma.

Pagina dei crediti con l'indicazione: luglio 2017. "L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

Pagina dei crediti con l’indicazione: luglio 2017. “L’estate che sciolse ogni cosa” di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

Il libro di Tiffany McDaniel, mentre sto scrivendo questo articolo, è alla sua sua sesta settima ristampa. E la particolarità molto apprezzabile e da me molto apprezzata della casa editrice è stata quella di cambiare i colori della copertina a seconda dell’edizione. Si passa quindi da un colore crema che caratterizza le edizioni Atlantide, al giallo, al rosa, all’arancione.

Devo ammettere che ci ho messo un bel po’ per recuperare la prima edizione: essendo un titolo al di fuori del grande circuito editoriale le offerte sono assai limitate.

Se tutto andrà bene, questo libro ha tutte le carte in regola per diventare un piccolo classico e la sua prima edizione, chissà, potrebbe accrescerne il valore.

Ultima pagina del libro con indicato il mese e l'anno di stampa. "L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

Ultima pagina del libro con indicato il mese e l’anno di stampa. “L’estate che sciolse ogni cosa” di Tiffany McDaniel. Edizioni di Atlantide, 2017.

 

 

*Loriana Ursich, la responsabile della bellissima libreria all’interno dell’Antico Caffè San Marco di Trieste. 


L’incipit:

«Il caldo arrivò insieme al diavolo. Era l’estate del 1984 e il diavolo era stato invitato. Quel caldo torrido, no. C’era da aspettarselo che arrivassero insieme. Dopo tutto, il caldo non è forse il volto del diavolo? E a chi è mai capitato di uscire di casa senza portarselo dietro?
Era un caldo che non scioglieva soltanto le cose tangibili, come i cubetti di ghiaccio, il cioccolato, i gelati. Ma anche l’intangibile.
La paura, la fede, l’ira, e ogni collaudato modello di buon senso.
Scioglieva l’esistenza della gente, gettandone il futuro in cima al mucchio di terra sulla pala del becchino.
Avevo tredici anni quando è successo tutto.»
(Tiffany McDaniel)

Anno di pubblicazione: luglio 2017
Casa editrice: Atlantide
Prezzo originale: 26 euro
Pagine: 384


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio