Hic habitat felicitas. La felicità domestica di Carl Larsson.

Quando metterai il piede sulla soglia di questa casa, ti troverai tra gente felice.

scrisse il pittore e illustratore svedese Carl Larsson, di cui oggi, 22 gennaio 2019, ricorre il centenario della scomparsa.

Il libro, di cui vi vado a raccontare, si intitola La casa al sole ed è una sorta di diario intimo di questo strabiliante pittore e illustratore.

La copertina rigida del libro "La casa al sole" di Carl Larsson.

La copertina rigida del libro “La casa al sole” di Carl Larsson.

Nato a Stoccolma il 28 maggio 1852, venne al mondo in una famiglia decisamente indigente e sviluppò un carattere timido e introverso. A soli tredici anni, però, fu ammesso all’Accademia Reale Svedese di Stoccolma dove potè studiare e sviluppare il suo talento. Lavorò come illustratore per libri e giornali e si trasferì temporaneamente a Parigi dove conobbe l’artista Karin Bergöö che sarebbe diventata sua moglie. I due, quindi, si trasferirono a Sudborn, in Svezia, dove acquistarono una casa e la arredarono secondo il loro gusto.

Fu in questa casa che si concentrò quasi tutto il lavoro di Larsson. La casa divenne assieme alla sua famiglia il soggetto preferito per le sue illustrazioni. Scene di vita domestica, di felicità familiare (ebbero sette figli), il contatto con la natura, il fluire delle stagioni: tutto venne messo su carta.

Alcune delle illustrazioni contenute nel libro di Carl Larsson "La casa al sole".

Alcune delle illustrazioni contenute nel libro di Carl Larsson “La casa al sole”.

Alcune delle illustrazioni contenute nel libro di Carl Larsson "La casa al sole".

Alcune delle illustrazioni contenute nel libro di Carl Larsson “La casa al sole”.

E così, nel 1909, l’editore tedesco Langewiesche pubblicò una raccolta di acquerelli e disegni di Larsson intitolata La Casa nel Sole (in tedesco. In italiano venne tradotto in La casa al sole). Fu un successo tale che il libro vendette decine di migliaia di copie.

Il libro, pubblicato in Italia dalla Longanesi & C., è stato finito di stampare nel settembre del 1981 su carta con una grammatura quasi da cartoncino. Ha 84 pagine con disegni in bianco e nero e tavole a colori a piena pagina. Il tutto tenuto assieme da un bordo telato sul quale, impresso a oro, è riportato il titolo e l’autore del libro. Purtroppo non è stato più ripubblicato e si trova solo in qualche mercatino o su eBay.

Vi invito a visitare il sito ufficiale di Larsson e a prendervi qualche minuto per immergervi nei suoi colori e nella sua stupefacente visione del mondo: http://www.carllarsson.se/en/garden

Retro della copertina del libro di Carl Larsson "La casa al sole".

Retro della copertina del libro di Carl Larsson “La casa al sole”.

Ultima curiosità: la casa dove vissero felici Carl Larsson, Karin Bergöö e i lori figli Kersti, Pontus, Mats, Esbjörn, Ulf, Suzanne, Lisbeth e Brita è diventata, per volere degli eredi, un museo aperto ai turisti di tutto il mondo.

 

 


L’incipit:

«Sundborn, vigilia del Natale del 1898
Proprio alla vigilia del Natale, e per l’appunto qui a Sundborn, desidero iniziare il testo a commento delle immagini della mia cara dimora di Dalekarlien. Penso di potervi così inserire un po’ di atmosfera natalizia, e incontrare te, caro lettore, nella tua disposizione d’animo più lieta: sperando in tal modo di suscitare il tuo interesse per me e le cose che mi riguardano.
Perché io ti voglio tanto bene!»
(Carl Larsson)

Anno di pubblicazione: 1981
Casa editrice: Longanesi & C.
Prezzo originale: non disponibile 
Pagine: 84


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere:

Il bottino di Cartoomics 2017

Ed eccoci di rientro dalla grande avventura targata Cartoomics!

Tra gli acquisti: "La terra dei figli di Gipi", "Storie di un'attesa" di Sergio Algozzino e "Sputa tre volte" di Davide Reviati.

Tra gli acquisti: “La terra dei figli di Gipi”, “Storie di un’attesa” di Sergio Algozzino e “Sputa tre volte” di Davide Reviati.

Giunta alla sua 24a edizione, questa manifestazione nel 2016 ha raggiunto i 75.000 visitatori in tre giorni ed è diventata, nel corso degli anni, un must tra gli amanti del genere fumetto. I numeri di quest’anno potrebbero essere addirittura superiori.

Non solo fumetti ovviamente, ma anche incontri, anteprime, premiazioni, ecc…

Disegno con dedica di Gipi sul volume "La terra de figli", edizione Coconino Press.

Disegno con dedica di Gipi sul volume “La terra de figli”, edizione Coconino Press.

Bellissima illustrazione di Stefano Turconi sul nuovo volume edito da Bao Publishing "Orlando curioso" scritto da Teresa Radice.

Bellissima illustrazione di Stefano Turconi sul nuovo volume edito da Bao Publishing “Orlando curioso” scritto da Teresa Radice.

Per ovvie ragioni, considerando il fumetto una forma di letteratura con pari dignità di un romanzo (basti pensare ad autori/autrici come Tiziano Sclavi, GiPi, Paco Roca, ZeroCalcare, Cyril Pedrosa, la coppia Turconi-Radice, Lorenzo Ceccotti, Igort, Scott McCloud e Brian K. Vaughan per citarne alcuni), non potevamo non caricarci di libri e andare a caccia di dediche e sketch che renderanno i volumi della nostra biblioteca sì più rari, ma anche più nostri.

Tre giorni quindi passando dallo stand di un editore all’altro. Realtà piccole, medie e grandi, tutte con tantissima affluenza. Le nostre mete preferite: lo stand di BaoPublishing (che quest’anno ha portato in Italia, in esclusiva, gli autori della serie di successo “The Wicked + The Divine”, Kieron Gillen, Jamie McKelvie oltre ai nostrani Turconi-Radice, Japoco Paliaga e French Carlomagno), lo stand della Bonelli (con una parata di autori di classe: Angelo Stano e Gigi Cavenago per citarne due), quello di Tunué (con la presentazione del volume “Il Piccolo Caronte” di Sergio Algozzino e Deborah Allo) e lo stand della Panini Comics che quest’anno ha festeggiato il Maestro Cavazzano e i suoi 50 anni di carriera nella scuderia Disney. Coconino  Press ha invece fatto il pienone con GiPi e Davide Reviati.

Nell’articolo, una raccolta di autografi e dediche che abbiamo conquistato con tanta pazienza!

Acquisti: Numero uno di "The Wicked + The Divine" con autografo degli autori e l'edizione speciale del numero Topolino in edicola con la storia che celebra il ritorno del Maestro Cavazzano "Topo Maltese".

Acquisti: Numero uno di “The Wicked + The Divine” con autografo degli autori e l’edizione speciale del numero Topolino in edicola con la storia che celebra il ritorno del Maestro Cavazzano “Topo Maltese”.

Disegno e dedica di Davide Reviati sul volume "Sputa tre volte". Edizione Coconino Press.

Disegno e dedica di Davide Reviati sul volume “Sputa tre volte”. Edizione Coconino Press.

Volume che festeggia i 30 anni dell'Indagatore dell'incubo, numero 1 originale di Dylan Dog e due volumi con le copertine di Angelo Stano.

Volume che festeggia i 30 anni dell’Indagatore dell’incubo, numero 1 originale di Dylan Dog e due volumi con le copertine di Angelo Stano.

Cartoomics. Autografo del Maestro Angelo Stano, sul numero uno originale di Dylan Dog uscito nel 1986!

Autografo del Maestro Angelo Stano, sul numero uno originale di Dylan Dog uscito nel 1986!

Illustrazione con acquarello di Sergio Algozzino sul volume edito da Tunué "Dieci giorni da Beatle".

Illustrazione con acquarello di Sergio Algozzino sul volume edito da Tunué “Dieci giorni da Beatle”.

Altri acquisti: "Orlando curioso" di Stefano Turconi e Teresa Radice, "Dieci giorni da Beatles" di Sergio Algozzino e il volume a tiratura limitata presentato da Bao Publishing "The Wicked + The Divine" di McKelvie e Cowles.

Altri acquisti: “Orlando curioso” di Stefano Turconi e Teresa Radice, “Dieci giorni da Beatles” di Sergio Algozzino e il volume a tiratura limitata presentato da Bao Publishing “The Wicked + The Divine” di McKelvie e Cowles.

Autografi e dediche di autori Bonelli per Dylan Dog: Angelo Stano, Claudio Chiaverotti, Tito Faraci e Pasquale Ruju. Illustrazione di Gigi Cavenago.

Autografi e dediche di autori Bonelli per Dylan Dog: Angelo Stano, Claudio Chiaverotti, Tito Faraci e Pasquale Ruju. Illustrazione di Gigi Cavenago.

 

 


Vuoi contattarci, in privato, in merito a questo post? riempi il modulo qui sotto:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Se l'articolo ti è piaciuto, aiutaci a farci conoscere: